MyFleurop: i vostri vantaggi!

MyFleurop è il Club Clienti di Fleurop grazie al quale potete approfittare di allettanti vantaggi:

  • Iscrizione gratuita
  • Registrazione semplice tramite indirizzo e-mail
  • 50 punti MyFleurop come premio di benvenuto
  • Raccolta di punti MyFleurop su tutti i canali di vendita Fleurop
  • Ordinazione di fiori più conveniente
  • Allettanti premi
  • Sorprendenti offerte speciali ed eventi
  • Ordinazione semplificata e più veloce grazie agli indirizzi memorizzati
  • Servizio di promemoria per le date importanti
  • Conto punti semplice e trasparente

Login

Per effettuare il login, vi preghiamo di immettere il vostro indirizzo e-mail e la vostra password, quindi cliccare su Login.

Se avete dimenticato la vostra password, vogliate cliccare qui per favore.

Cronistoria Fleurop



Cento anni fa, regalare fiori a grandi distanze era una vera e propria impresa. Oggi, da Fleurop ciò avviene per tutto il mondo in men che non si dica. Uno sviluppo dagli aspetti interessantissimi, nel quale la Svizzera ha sempre giocato un ruolo importante.

La cronistoria Fleurop in sintesi

Due buoni motivi per "mettere le ali" ai fiori

Per risvegliare il desiderio d'inviare fiori in altre città o perfino in altri Paesi, erano necessarie due premesse. In primo luogo la richiesta, che nacque perché sempre più persone avevano amici o parenti che vivevano lontano e ai quali desideravano regalare dei fiori. Se la distanza non era troppo grande, magari si poteva inviarli per posta, accuratamente sistemati in una scatola di cartone. Non sempre però i fiori riuscivano a superare incolumi il trasporto soprattutto se si trattava di viaggi a lunga distanza. Così s'iniziò a cercare una possibilità d'incaricare con la consegna un fiorista del posto. E qui entra in gioco la seconda premessa: lo sviluppo della telegrafia e della telefonia.


Verso l'alto

1908: un berlinese crea la prima azienda d'intermediazione floreale

All'inizio del XX secolo, alcune menti creative tra i fioristi iniziarono a convincere i colleghi del settore dell'idea della mediazione floreale. Padre del concetto fu il berlinese Max Hübner, che nel 1908 fondò in Germania la "Deutsche Blumenspenden-Vermittlung" (mediazione tedesca di omaggi floreali). L'iniziativa destò un'eco positiva tra i suoi colleghi, tanto che già nello stesso anno 98 negozi aderirono al sistema.


Verso l'alto

1910: negli Stati Uniti entra in scena la FTD

Poco più tardi l'idea attecchì anche negli Stati Uniti, dove nel 1910 iniziò la propria attività un'azienda d'intermediazione floreale denominata "Florists' Telegraph Delivery" (sigla FTD). Nel 1925 la FTD ampliò la gamma delle prestazioni di servizio offrendo tra l'altro, sotto il nome di "Florists' Transworld Delivery", anche transazioni internazionali.


Verso l'alto

1914: esordio di un logogramma destinato ad acquisire fama internazionale



Alcuni anni dopo la fondazione, l'azienda statunitense FTD adottò come emblema la figura classica del dio romano Mercurio, personificazione del vento e messaggero degli dei, trasformandolo nel messaggero floreale dai piedi alati. Il logo aziendale è diventato uno dei più noti del mondo ed è impiegato ancora oggi a livello internazionale.


Verso l'alto

1920: il leone britannico entra a far parte della FTD e pone più tardi la prima pietra dell'odierna Interflora

Negli anni Venti del secolo scorso, in Gran Bretagna fu ripresa l'idea della trasmissione telegrafica di ordini floreali. Allora, un innovativo fiorista di Glasgow e un'azienda vivaistica di Essex chiesero alla FTD statunitense di essere annessi all'impresa in qualità di membri. Il positivo sviluppo indusse la FTD a istituire sotto la propria egida la divisione britannica "British Unit", ribattezzata nel 1953 "Interflora British Group".


Verso l'alto

1927: la Svizzera partecipa alla fondazione della Fleurop-Interflora (Association) europea

Nel frattempo, Max Hübner, il pioniere che nel 1908 aveva realizzato a Berlino la prima intermediazione floreale, era di casa alla Bahnhofstrasse di Zurigo. Si era trasferito perché si era innamorato della svizzera Klara Krämer. Max e Klara si sposarono e gestirono insieme il popolare negozio di fiori Krämer, oggi il più "antico" di Zurigo. Anche in Svizzera Max Hübner continuò a sostenere e a incentivare lo sviluppo della mediazione di fiori. Nel 1927 infine, grazie al suo impegno e con la cooperazione di 3064 negozi di fiori specializzati ubicati in Germania, Austria, Svizzera, Olanda e Belgio, fu fondata nel Kursaal di Zurigo la Fleurop (da: Flores Europae), operante su piano internazionale. Max Hübner fu eletto all'unanimità a primo presidente della Fleurop europea, la cui prima sede principale si trovava a Zurigo.


Verso l'alto

1946: fondazione di Interflora Inc., operante su piano internazionale



Per ridare slancio agli affari dopo la seconda guerra mondiale, nel 1946 fu fondata a Copenaghen l'azienda internazionale Interflora Inc., sorta dall'associazione della Fleurop-(per l'Europa continentale), dell'Interflora British Group (per Gran Bretagna, Australia, Nuova Zelanda e Sud Africa) e dell'FTD (per America del nord e del sud nonché Giappone). Al fine di semplificare le operazioni contabili interne, nel contempo fu introdotta la valuta "Fleurin", basata allora sul Franco svizzero e adeguata nel 2003 all'Euro. Inoltre, nella seduta di fondazione a Copenaghen si decise di riprendere come logo il simbolo di Mercurio, adottato da allora a livello internazionale. A proposito di Interflora Inc.: la sua sede si trova a Southfield (Michigan, USA).


Verso l'alto

1990: Fleurop Svizzera diventa Fleurop-Interflora (Schweiz) AG

Nel 1990 l'associazione nazionale svizzera si riorganizzò e assunse la forma giuridica di società per azioni.


Verso l'alto

1996: Fleurop è la prima intermediatrice floreale svizzera che lancia uno Shop online

Negli anni Novanta del secolo scorso i web shop erano ancora alquanto rari. Anche qui la Fleurop svizzera dimostrò la propria lungimiranza. Negli USA, i tradizionali intermediatori floreali con la loro reticenza nei confronti dell'e-commerce avevano favorito l'accesso al mercato da parte di aziende nuove. Ciò ebbe risvolti negativi per i "conservatori", perché le ditte nuove approfittarono del dinamismo evolutivo dell'e-commerce, riuscendo a conquistare una posizione leader nell'intero ambito della mediazione floreale negli Stati Uniti.

Fleurop Svizzera voleva evitare uno sviluppo analogo. Nel 1996 fu così la prima e unica mediatrice floreale in Svizzera a offrire uno shop online. Un'impresa non del tutto semplice, che richiese dapprima la riorganizzazione dell'assetto interno. In una prima fase fu necessario convincere i fioristi partner in Svizzera dei vantaggi del nuovo canale di distribuzione. Seguì poi l'equipaggiamento dei partner con computer e software adeguati. - Oggi il Webshop è per Fleurop il canale di vendita con il maggior incremento di crescita. Attualmente circa 8 su 10 ordini Fleurop vengono espletati via Internet.


Verso l'alto

2011: a Uster apre i battenti il "Fleurop Shop", il primo laboratorio floreale sperimentale di Fleurop nel mondo



Il Fleurop Shop di Uster ha fatto parlare molto di sé, sia in Svizzera che all'estero. Perché se da un lato è un normalissimo negozio di fiori, dall'altro è - in prima linea - una piattaforma per la trasmissione, la condivisione e la diffusione di esperienze e conoscenze. In altre parole: Fleurop ha concepito lo shop di Uster - il primo al mondo appartenente all'azienda - allo scopo di testare per sé e per i negozi partner novità nell'ambito dei prodotti, di migliorare l'assortimento e di percepire direttamente le reazioni dei clienti. Lo shop si occupa inoltre anche di temi quali configurazione del negozio, acquisizione e iter economico-aziendali. Il Fleurop Shop di Uster assume quindi per così dire il ruolo di "laboratorio sperimentale". Le esperienze raccolte vengono analizzate e trasmesse ai partner Fleurop. "L'esperimento" è riuscito. Perché nel frattempo il Fleurop Shop è apprezzato non soltanto dai clienti, bensì anche dalle fioriste e dai fioristi. Non per ultimo anche per i workshop che organizza regolarmente a Uster, considerati veri e propri highlight dai fioristi partner.


Verso l'alto