Login

Per effettuare il login, vi preghiamo di immettere il vostro indirizzo e-mail e la vostra password, quindi cliccare su Login.

Se avete dimenticato la vostra password, vogliate cliccare qui per favore.

MyFleurop: i vostri vantaggi!

MyFleurop è il Club Clienti di Fleurop grazie al quale potete approfittare di allettanti vantaggi:

  • Iscrizione gratuita
  • Registrazione semplice tramite indirizzo e-mail
  • 50 punti MyFleurop come premio di benvenuto
  • Raccolta di punti MyFleurop su tutti i canali di vendita Fleurop
  • Ordinazione di fiori più conveniente
  • Allettanti premi
  • Sorprendenti offerte speciali ed eventi
  • Ordinazione semplificata e più veloce grazie agli indirizzi memorizzati
  • Servizio di promemoria per le date importanti
  • Conto punti semplice e trasparente

Fiori Fleurop & coccinelle portafortuna di cioccolato Munz



Qui vi raccontiamo interessanti particolari sulla dolce coccinella di cioccolato Munz e sul simbolo della fortuna, su un'antica bevanda al cacao salata, su uno sconosciuto ticinese che fondò una nota fabbrica di cioccolato e riforniva un re italiano... e perché il cioccolato mette di buon umore.

Fiori Fleurop & coccinelle di cioccolato Munz: portano fortuna!


A prima vista la coccinella portafortuna di cioccolato si presenta come un'allegra confezione a forma di coccinella con le ali sollevabili. Ma aprendola, si scoprono 32 piccole e vispe coccinelle di cioccolato con ripieno pralinato, ognuna confezionata singolarmente. Insieme fanno 150 g di finissimo cioccolato Munz proveniente dall'azienda svizzera Maestrani. Certo: I portafortuna sono numerosissimi, ma la coccinella li batte tutti in fatto di charme. Specialmente se è fatta di squisito cioccolato e può essere quindi mangiata. Per cui i fiori accompagnati da una coccinella di cioccolato diventano semplicemente irresistibili.

Fiori Fleurop & coccinelle portafortuna di cioccolato? Per accedere allo Shop, cliccare QUI.


Verso l'alto

Perché e quando le coccinelle portano fortuna

Una curiosità: le coccinelle portano fortuna perché sono utili nel giardinaggio e nell'agricoltura. Divorano infatti insetti nocivi quali gli afidi e gli acari delle piante. Nelle regioni cattoliche sono inoltre considerate piccole inviate della Vergine Maria, perché vengono associate al mese mariano di maggio, detto anche mese delle rose, che le coccinelle proteggono dai parassiti. Per questo in alcune regioni italiane le coccinelle sono dette anche mariole o marioline. A suo tempo, nella Provenza, si diceva che un uomo si sarebbe sposato prossimamente se una coccinella si posava su di lui. Le donne, invece, dovevano appoggiare una coccinella sull'indice e contare i secondi che vi rimaneva: ogni secondo corrispondeva a un anno di attesa fino al matrimonio.

Oggi l'usanza delle coccinelle portafortuna è ormai diffusissima. Per il compleanno, per un esame in vista o per l'augurio di una giornata felice: una coccinella portafortuna va sempre bene, tanto più se è fatta di dolce cioccolato.

Fiori Fleurop & coccinelle portafortuna di cioccolato? Per accedere allo Shop, cliccare QUI.


Verso l'alto

Dal cacao salato al dolce cioccolato: una storia avvincente



Quando, circa 3000 anni fa, il popolo Maya iniziò a usare lo "Xocolatl" - ovvero il cacao - come bevanda, la sua caratteristica più importante era la schiuma, che si otteneva travasando ripetutamente l'intruglio da un recipiente all'altro da circa 30 cm di altezza. Allo Xocolatl si attribuiva la proprietà di combattere la stanchezza, riconducibile probabilmente al contenuto di teobromina.
Il primo europeo che entrò in contatto con i chicchi di cacao fu Cristoforo Colombo. Ma fu Hernàn Cortéz a importarli più tardi in Spagna. Il primo carico navale raggiunse Sevilla nel 1585. Gli europei modificarono la bevanda, fino ad allora amara, eliminando il pepe di Caienna e il sale e aggiungendovi miele e zucchero greggio. Qualche tempo dopo, grazie a Caterina Michela d'Asburgo, infanta di Spagna e duchessa di Savoia, il cioccolato raggiunse il Piemonte. Da qui conquistò ulteriori Paesi, oggi facenti parte dell'Europa. Dovette trascorrere però ancora parecchio tempo fino all'avvio della produzione in Svizzera.

Fiori Fleurop & coccinelle portafortuna di cioccolato? Per accedere allo Shop, cliccare QUI.


Verso l'alto

Un ticinese pose la prima pietra per lo squisito cioccolato svizzero


All'inizio del XIX secolo, le specialità al cioccolato della Lombardia erano praticamente il non plus ultra. Motivo per cui il ticinese Giuseppe Maestrani si recò nella vicina regione italiana allo scopo di apprendere l'arte cioccolatiera. Nel 1825 decise di mettersi a lavorare per conto proprio e aprì a Lugano la sua prima ditta, allora una delle rare aziende cioccolatiere in Svizzera.
Evidentemente, la famiglia doveva avere l'arte cioccolatiera nel sangue. Perché nel 1852 anche il figlio Aquilino optò per questa professione e aprì, dopo lunghi anni di studio e di viaggi, la sua prima azienda a Lucerna. Il 1852 è considerato pertanto l'anno di fondazione vero e proprio dell'attuale impresa. Ai tempi, la Maestrani rientrava tra le prime ditte dedite alla produzione di cioccolato svizzero ed era già allora sinonimo di gusto sopraffino. Lo testimonia anche il fatto che nel 1884 la Maestrani fu nominata fornitrice di corte del re Umberto I d'Italia. Nel 1998, l'azienda, trasformata nel frattempo in una società per azioni, inglobò la fabbrica di cioccolato Munz di Flawil e trasferì qui la propria sede.
A proposito: Maestrani produce annualmente più di 25 milioni di piccole coccinelle portafortuna Munz, per le quali sono necessarie naturalmente più di 150 milioni di zampette! La produzione richiede più di 3500 tonnellate di cioccolato all'anno.

Fiori Fleurop & coccinelle portafortuna di cioccolato? Per accedere allo Shop, cliccare QUI.


Verso l'alto

Le coccinelle di cioccolato fanno bene alla salute, i fiori anche!


Sembra che il cioccolato oltre a essere buono sia anche sano. Perché il suo contenuto di teobromina ha un effetto corroborante nonché leggermente stimolante sulla psiche, mentre la feniletilamina vanta perfino doti di antidepressivo naturale.
E i fiori? Anche loro hanno le proprie virtù salutari. Da uno studio eseguito dall'università di Rutgers a  New Brunswick (USA) è risultato che i fiori rappresentano un rimedio naturale dall'effetto rasserenante. Fatto sta che tutte le e tutti i partecipanti allo studio hanno reagito senza eccezione con un sorriso di gioia al ricevimento di un omaggio floreale. Inoltre hanno asserito di percepire più gioia di vivere. E, non per ultimo, si è constatato che i fiori aiutano ad approfondire il contatto con gli amici.

Fiori Fleurop & coccinelle portafortuna di cioccolato? Per accedere allo Shop, cliccare QUI.


Verso l'alto