Urs Meier, florist.ch


«Il Consiglio federale ha reagito con accortezza»


Signor Meier, come hanno reagito i fioristi al lockdown?
Ambivalentemente. Hanno capito che bisognava fare qualcosa per contrastare questa brutta situazione. Ma sentivano che la chiusura dell'attività minacciava la loro esistenza. I costi fissi, come l'affitto, gli stipendi, ecc. sono sempre in corso - e bisogna anche vivere.

Nel frattempo, molti stanno lottando e implementando nuove idee. Ma naturalmente questo è difficile, perché i grandi ordini come i matrimoni e gli eventi non ci sono più e il negozio è chiuso.


Che cosa ha fatto come dirigente di florist.ch?
Ho studiato in dettaglio i regolamenti e le comunicazioni ufficiali del governo federale e dei media. Ho subito scoperto che, secondo la mia interpretazione, almeno le consegne e gli acquisti ai mercati dei fiori erano ancora possibili in determinate circostanze. Ma naturalmente avevamo bisogno di certezza del diritto. Per questo motivo abbiamo contattato le autorità competenti e abbiamo fatto confermare tutto per iscritto, punto per punto.

Cosa avete fatto con le conoscenze acquisite?
Naturalmente le abbiamo trasmesso immediatamente, non solo ai nostri membri, ma a tutto il settore verde, compresi i mercati dei fiori e Fleurop.

Quindi i fioristi hanno più chance dei parrucchieri, per esempio?
Sì, noi e tutti coloro che possono fare affari online e/o su ordinazione abbiamo effettivamente maggiori possibilità. Ma è anche una fortuna che questa possibilità esista. Perché per tutte le persone sedute a casa, i fiori sono importanti come portatori di speranza.

Ma sono aperti negozi di alimentari e farmacie. Non è abbastanza?
L'incertezza e la paura della popolazione è comprensibilmente grande. Inoltre, sono costantemente alimentati, con notizie e immagini difficili da gestire. Quindi si vorrebbe che tornasse un po' di normalità: un segno positivo, un raggio di luce, un po' di coesione. I fiori hanno un posto speciale in questo contesto. Tanto più che non ci si può più semplicemente visitare a vicenda.

I fioristi approfittano di questa opportunità?
Non si tratta di vendite normali. Ma i costi fissi ci sono. E anche la piccola quantità di fiori venduti aiuta a ridurre un po' la perdita di vendite. Inoltre, uno o due dipendenti possono lavorare almeno a tempo parziale. Infine, ma non meno importante, aiuta anche i produttori di fiori, che possono vendere almeno una piccola parte dei fiori del loro raccolto e non devono compostare tutto.

Ritiene che ciò che il Consiglio federale ha deciso sia giusto?
Sì, credo che abbia reagito in modo prudente e adeguato e abbia anche cercato di ridurre al minimo i danni collaterali. La pressione su di lui è enorme.

Quali sono le sfide più grandi per florist.ch?
fiorista.ch compie 100 anni quest'anno. Abbiamo voluto celebrare questo evento a giugno con una festa di anniversario particolarmente suggestiva in Ticino. Ora abbiamo dovuto rimandare tutto al 2021, il che ci rattrista. L'Assemblea Generale 2020 si terrà il 19 agosto in modo normale. Tuttavia, l'unica cosa che quest'anno ci ricorda il nostro centenario è un francobollo speciale con un fiore. È possibile ordinare o acquistare presso l'ufficio postale a partire dal 7 maggio. E siccome io stesso sono un filatelista, non posso che consigliare questo bellissimo francobollo.

In cosa spera dopo il Corona?
Spero che la solidarietà che è già percepibile continui e che ci sia più solidarietà tra di noi. In ogni caso, continueremo a fare tutto ciò che è in nostro potere per sostenere il commercio specializzato e il settore verde, trasmettendo informazioni valide sul lavoro a orario ridotto, sui crediti temporanei, sulle rinunce agli affitti, ecc. Siamo anche convinti che questo periodo, in cui quasi nulla funziona senza portali online, contribuirà a rendere la digitalizzazione più simpatica anche a coloro che finora sono stati piuttosto critici o addirittura ostili ad essa. A questo proposito, siamo convinti che dopo il Corona, sia le consegne a domicilio che le opzioni di ritiro saranno utilizzate molto di più rispetto all'anno scorso.

Grazie mille per l'intervista, signor Meier.

>> A tutte le interviste


Verso l'alto